Lingua:

Ho raccolto alcune informazioni sui modelli meteorologici a beneficio di chi come me, naviga. Spero la cosa possa essere di qualche interesse per tutti gli appassionati di mare. L’elenco non è certamente esaustivo e sono ben felice di accogliere suggerimenti e idee (Paolo) per ampliare e migliorare questa rassegna di modelli meteo.

Il meteo e la navigazione

E’ saggio e auspicabile pianificare la navigazione in funzione delle condizioni meteo che potremo incontrare e di farlo ancora prima di mollare gli ormeggi.

Le crociere si preparano sempre prima della navigazione effettiva e il successo di ogni traversata e di ogni vacanza dipende molto dalla cura avuta nello studiare le condizioni meteo marine che s’incontreranno. La scelta delle rade, l’atterraggio nei porti, le tappe e le destinazioni di ogni navigazione dipendono tutte dalle condizioni del tempo. Cerchiamo così il vento più favorevole per una navigazione comoda e veloce per gettare ancora nel giusto ridosso che ci proteggerà e passare cosi’ una notte senza pensieri riguardo alla tenuta del nostro ormeggio. Il meteo, il vento e il mare sono fattori decisivi per il successo di ogni navigazione. Guardare il tempo e capirne i cambiamenti nel futuro è indispensabile per tutti i navigatori che vogliono affrontare in sicurezza la navigazione, a vela o a motore.

Nel pianificare le crociere facciamo ricorso alle innumerevoli previsioni a cui abbiamo facilmente accesso quando siamo ancora a terra. Tra le informazioni disponibili vi sono i modelli meteo, ormai accessibili con un computer, un tablet o un semplice cellulare.

I modelli meteo

Fortunatamente per i velisti e i naviganti, i modelli meteorologici alla base delle previsioni meteo diventano sempre più accurati e affidabili. Molti di questi sono ormai accessibili al largo pubblico in forma gratuita. Con il miglioramento delle tecnologie e la facilità di accesso a internet anche quando si naviga, diventa quindi possibile per il normale velista, accedere a svariate risorse e informazioni meteo come non era pensabile solo una decina d’anni fa.

Spiegazione generale sulla digitalizzazione delle previsioni meteo

Nella disseminazione e trasmissione di dati e informazioni meteorologiche uno degli standard più affermati è il formato GRIB (GRIdded Binary) che permette la trasmissione via internet di file compressi il cui contenuto è comodamente visualizzabile su un computer, un tablet o con un cellulare.

I files GRIB possono contenere svariati parametri meteorologici: dalla pressione, al vento, alle precipitazioni, alle onde e molti altri ancora. Questi dati sono prodotti automaticamente dai diversi computer che elaborano i vari modelli meteo. Si tratta quindi d’informazioni che non sono state verificate da meteorologi professionisti e che vanno quindi usate come un complemento delle previsioni meteo messe a disposizione ai naviganti dalle diverse istituzioni che si occupano delle previsioni meteomarine per la navigazione.

Informazioni sul formato GRIB

Ecco alcuni esempi di cosa possiamo ottenere grazie alle tecnologie odierne:

Modello WAM ad alta risoluzione per l’Egeo (vento e pressione) in formato GRIB

Modello WAM ad alta risoluzione per l’Egeo (temperatura) in formato GRIB

Molte delle analisi prodotte dai vari modelli meteo esistenti sono oggi distribuite nel formato GRIB e i servizi di accesso ai dati vanno dal gratuito al servizio a pagamento, con copertura globale o locale, ad alta, media e bassa risoluzione.

I software che visualizzano le informazioni in formato GRIB offrono la possibilità di scaricare i dati necessari con procedure semplici e intuitive. Purtroppo i dati offerti fanno spesso riferimento a un numero limitato di modelli, spesso il solo GFS. E’ importante quindi sapere che l’utente può recuperare direttamente le informazioni che interessano, spesso in forma gratuita. Nella disamina dei modelli fornirò i link e i riferimenti che ho trovato su questo tema. Quanti hanno modo di contribuire con informazioni aggiuntive sono benvenuti.

I modelli meteo sono tanti e non ne esiste uno più valido dell’altro. Essi servono scopi diversi e ogni modello valuta in modo diverso una svariata quantità di fattori. Modelli a bassa risoluzione permettono di valutare le grandi variabili in gioco su larga scala, ma si rivelano poco efficaci per determinare i dati previsionali nelle aree costiere, o dove l’influenza della geografia e della morfologia del terreno induce cambiamenti rilevanti nella dinamica del tempo. Altri modelli presentano un’alta risoluzione per catturare al meglio i fenomeni locali, ma hanno una validità limitata nel tempo. Un raffronto tra diversi modelli può essere confortante quanto tutti convergono verso le medesime conclusioni. E’ invece bene prestare molta attenzione al tempo quando i modelli presentano dati discordanti tra loro.

A questo punto, prima di illustrare i diversi modelli, credo sia importante il riferimento a un parametro spesso presente in modelli: si tratta del Convective Available Potential Energy (CAPE) che misura l’energia potenziale presente nell’aria. I valori del CAPE, in Joules per Kg, ci permettono di farci un’idea del potenziale sviluppo di cellule temporalesche su una determinata area. Lo segnalo qui per la sua importanza ai fini della navigazione.

I seguenti valori del CAPE offrono un’indicazione del livello di instabilità in una massa d’aria:

0001-1000 J/kg: Marginalmente Instabile

1000-2500 J/kg: Moderatamente Instabile

2500-3500 J/kg: Molto Instabile

3500 J/kg e superiore: Estremamente Instabile

Qui di seguito sono riepilogati i modelli meteo, in ordine alfabetico, più rilevanti e d’interesse per i naviganti. Alcuni di questi sono anche disponibili nel formato GRIB e possono quindi essere scaricati con una connessione internet o via radio.

Aire Limitée Adaptation dynamique Développement InterNational (ALADIN)

Consorzio promosso da Météo-France con diversi paesi dell’Europa Centrale e Orientale. Il consorzio che gestisce ALADIN ha avviato nel 2005 una collaborazione con il consorzio a capo del modello HIRLAM (High Resolution Limited Area Model) altro modello ad alta risoluzione (fino a 2 Km) usato in Europa. L’obiettivo dei due consorzi è di giungere a una gestione integrata dei due modelli.

Vento e pressione, modello ALADIN, Croazia

Link al sito del consorzio ALADIN

AROME

Modello curato da Meteo France per migliorare le previsioni a breve periodo di eventi meteo ad alta intensità nella regione del Mediterraneo. Cinque previsioni giornaliere.

Vento, modello AROME, Francia

Link al modello AROME

ARPEGE

Modello globale a cura di Météo-France

Vento, modello ARPEGE, Europa

Link al modello ARPEGE

Advanced Scatterometer data (ASCAT)

ASCAT non fa riferimento a un modello meteo, ma a un sistema satellitare per l’analisi in tempo reale del vento sui mari del globo. Invece delle classiche previsioni del vento, ASCAT ci mette a disposizione i valori reali del vento, come letti da satellite, per tutti i mari del mondo. I dati sono raccolti ogni ora ed hanno copertura globale. Queste informazioni sono anche disponibili in formato GRIB.

Vento, misure ASCAT sul globo, risoluzione 25Km

Link al modello ASCAT

Atlantic operational Real Timer Ocean Forecasting System (RTOFS)

Modello previsionale delle correnti dell’oceano Atlantico curato dal servizio meteorologico nazionale Americano.

Corrente, Oceano Atlantico

Dati del modello RTOFS

Coupled Ocean Atmosphere Mesoscale Prediction System (COAMPS)

Modello regionale a cura della marina militare Americana. Copre alcune regioni confinanti con gli Stati Uniti. Previsioni fino a due giorni. Risoluzione a 12 Km.

Vento e pressione, modello COAMPS, California

Informazioni sul modello COAMPS

 European Center for Madium-Range Weather Forecasts (ECMWF)

Modello globale Europeo. A detta di molti più accurato dell’Americano GFS. Purtroppo i dati in formato GRIB non sono accessibili a tutti, essendo a pagamento. Molti fornitori di servizi d’informazione meteo a pagamento basano le proprie analisi su questo modello.

Pressione, modello ECMWF, Europa

Informazioni sul modello ECMWF 

GDPS-GEM (Global Environmental Multiscale model)

A cura del servizio meteorologico Canadese. Previsioni a medio e lungo periodo.

Pressione, modello GEM, Stati Uniti

Informazioni sul modello GDPS-GEM

Dati del modello GDPS-GEM in formato GRIB

Global Forecast System (GFS)

E’ il modello globale più conosciuto e usato. Aggiornato ogni sei ore a cura del servizio meteorologico Americano, con previsioni che arrivano fino a sedici giorni. Comunque dopo 4/5 giorni qualunque modello perde di attendibilità e va quindi usato in via indicativa ai fini della navigazione. I dati GFS sono disponibili gratuitamente nel formato GRIB.

Analisi in alta quota (500 hPa), modello GFS, Europa

Informazioni sul modello GFS

Dati del modello GFS in formato meteo in formato GRIB per il modello GFS scaricabili dal sito GRIB

Navy Global Environmental Model (NAVGEM)

Modello globale gestito dalla marina militare degli Stati Uniti. Equivalente al GFS ma utile per raffrontare la validità dei modelli.

Pressure, modello NAVGEM, Europa

Informazioni e dati sul modello NAVGEM

North American Mesoscale Model (NAM)

Modello regionale dello stato dell’atmosfera prodotto dal servizio meteorologico Americano. Tiene in conto dei fenomeni meteo su piccola scala e quindi molto più efficace di altri modelli globali come il GFS. Dati ad alta risoluzione ma validi per un breve periodo: 2/3 giorni.

Vento, modello NAM, Nord America

Informazioni sul modello NAM

Dati del modello NAM in formato GRIB

Ocean Surface Current Analysis – Realtime (OSCAR)

Analisi delle correnti globali. I dati sono calcolati attraverso misure satellitari e le previsioni del modello coprono cinque giorni. Dati disponibili in formato GRIB.

Modello OSCAR con rappresentazione della corrente del Golfo, in formato GRIB

Skiron

Modello ad alta risoluzione (griglia a 5 Km) curato dall’Università di Atene. I dati in formato GRIB sono disponibili per il Mediterraneo con previsioni fino a cinque giorni.

Vento, modello SKIRON, Baleari

Dati del modello SKIRON in formato GRIB

Weather Research and Forecasting (WRF)

Questo modello copre diverse aree del globo e offre previsioni ad alta risoluzione che tengono in conto delle condizioni locali. Il modello è utilizzato da diverse istituzioni e organizzazioni per svolgere analisi di previsione che coprono determinate aree. Utile e affidabile nelle previsioni meteorologiche a breve termine che tengono in conto della geografia e orografia locale.

Vento e pressione, modello WRF, Italia

Informazioni sul modello WRF

Dati del modello WRF per il Mediterraneo in formato GRIB 

Wave Watch 3 (WW3)

Modello del moto ondoso a cura del dipartimento meteorologico Americano. Aggiornato quattro volte al giorno, con dati previsionali fino a 180 ore.

Altezza delle onde, modello WW3, Oceano Atlantico

Dati del modello WW3 al link

Dove recuperare le informazioni meteo in formato GRIB?

I dati di molti di questi modelli sono disponibili nel formato GRIB in forma gratuita. Qui sono riassunte le principali fonti cui è possibile accedere.

link a: GDPS-GEM

link a: GFS

link a: Gribfiles (servizi a pagamento)

link a: Mailasail

Mailasail offre un servizio interessante per accedere gratuitamente a svariate informazioni meteo. Le istruzioni per accedere ai loro servizi gratuiti si trovano a questo link

link a: Meteoconsult

link a: NAM dal sito NOAA

link a: Openskiron

Openskiron copre tutto il mediterraneo con interessanti dati ad alta risoluzione. I file GRIB possono essere scaricati dal sito.

link a: Saildocs

Saildocs offre un servizio simile a mailasail e permette di accedere a molteplici informazioni interrogando i loro archivi inviando una mail.

Per informazioni generali sul servizio Saildocs inviare una mail vuota a: info

Per avere informazioni sui file GRIB disponibili in Saildocs inviare una mail vuota a: grib

Informazioni sui modelli meteo disponibili in Saildocs si possono invece ottenere mandando una mail vuota all’indirizzo: models

link a: Servizio Meteorologico Norvegese